Blog

L’ultima vittoria dell’ammiraglio Nelson Era il 21 Ottobre del 1805. Di fronte a capo Trafalgar, qualche chilometro a sud di Cadice in Spagna, la flotta inglese aveva raggiunto e bloccato quella franco-spagnola, e stava preparandosi ad una delle battaglie napoleoniche più importanti del secolo. La battaglia di Trafalgar. Vincendo, infatti, Napoleone avrebbe detronizzato l’Inghilterra dal rango di superpotenza del mare. I francesi infatti, in difficoltà nel contrastare la marina inglese, chiesero aiuto agli alleati Spagnoli, ben più esperti di battaglie in mare, e anch’essi col dente avvelenato per aver perso il primato militare sul mare. Così la flotta che l’ammiraglio Horatio Nelson si trovava davanti era un misto di navi spagnole e francesi, comandate da Pierre Charles Silvestre de Villeneuve.…

Leggi tutto

21 ottobre 2015 La figura dell’ammiraglio inglese Horatio Nelson è, ad oggi, una delle più importanti della storia militare inglese. A lungo regina incontrastata dei mari, infatti, l’Inghilterra si confermò tale fino allo scoppio della prima guerra mondiale. Ciò non sarebbe stato possibile senza le mirabolanti vittorie di Nelson nel corso delle guerre napoleoniche. Anche la vita dell’ammiraglio è parecchio movimentata. Alla sua vorticosa ascesa militare corrispondono anche diverse ferite di guerra (anche non da poco, come la perdita di un occhio e l’amputazione di un braccio), segno di una costante presenza in prima linea nelle battaglie. Da un punto di vista militare possiamo a buon diritto definirlo un innovatore, visto che proprio da alcune sue innovazioni e trasgressioni del…

Leggi tutto

18 ottobre 2015 Quella di comunicare è sempre stata un’esigenza recondita nell’uomo sin dagli albori. Il bisogno di esprimersi, di trovare un contatto con gli altri lo ha spinto all’articolazione e all’evoluzione del linguaggio. Ma come fare a comunicare a distanza? Segnali di fumo, giochi di luce con vetri e specchi, messaggi scritti… tantissimi dono gli strumenti utilizzati dall’uomo nel corso dei secoli nel tentativo di raggiungere i suoi simili e accorciare le distanze. L’avvento della tecnologia e, nello specifico, dell’elettricità, gli ha permesso di compiere enormi passi avanti. Il primo a muoversi in tal senso è l’inglese Francesco Rowlands con l’invenzione del telegrafo elettrico che spianerà la strada ai lavori di Carlo Wheastone, Guglielmo Cooke e Samuel Morse, inventore…

Leggi tutto

17 ottobre 2015 Maria Antonia Giuseppa Giovanna d’Asburgo-Lorena, nota semplicemente come Maria Antonietta nasce a Vienna il 2 novembre 1755 da Francesco I e da Maria Teresa, in un momento cruciale della storia della corona austriaca. Cresce felice e spensierata nei fasti di Schonbrunn, coccolata e viziata, in modo quasi atipico rispetto ai suoi fratelli e sorelle già istruiti con estremo rigore, sin dall’infanzia, ai sacrifici e ai doveri di corte. Nel tentativo di cementare la nuova e traballante alleanza politica tra la corona austriaca e quella francese, la giovane Maria Antonietta viene data in sposa all’arciduca Luigi Augusto, futuro Luigi XVI, all’età di 15 anni. Quattro anni dopo, Maria Antonietta diventa regina di Francia. La formale vita di corte…

Leggi tutto

Correva l’anno 1492 quando Cristoforo Colombo, per un errore di calcolo o un colpo di fortuna, sbarcava nel Nuovo Mondo. Una conquista per il regno di Spagna e l’Europa che segna la fine degli anni bui del Medioevo e l’inizio dell’età moderna. Fonti storiche attestano che Cristoforo Colombo non è stato il primo europeo a sbarcare nel Nuovo Mondo. Gli archeologi hanno scoperto prove di insediamenti norvegesi e polinesiani in Canada, risalenti fin dal IX secolo, quasi un secolo prima dello sbarco della Nina, la Pinta o la Santa Maria. Oggi sappiamo che i nativi americani vivevano nelle Americhe per migliaia di anni prima dell’arrivo degli europei, che i loro antenati attraversarono il ponte di Bering Terra dall’Asia nordorientale, e…

Leggi tutto

10 ottobre 2015 Ricorre oggi la Giornata della salute mentale. Riportiamo di seguito il messaggio ufficiale del segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, in occasione della giornata mondiale della salute mentale. I disturbi psichici sono presenti in tutte le culture e possono apparire in qualsiasi momento della vita. Essi possono rappresentare fattori di rischio o conseguenze di molti altri problemi di salute, e sono spesso associati a povertà, marginalizzazione e disadattamento sociale. Inoltre, disturbi mentali si manifestano frequentemente nel contesto di conflitti e crisi umanitarie. I sistemi sanitari di tutto il mondo fanno fronte a sfide enormi per garantire assistenza psichiatrica e tutelare i diritti umani di quanti soffrano di gravi disturbi. Le risorse disponibili sono insufficienti, distribuite in modo iniquo e usate in…

Leggi tutto

90/92