TACUS

Previous Image
Next Image

info heading

info content

 

Benvenuto in TACUS – Arte Integrazione Cultura, Associazione di Promozione Sociale, senza scopo di lucro. TACUS – acronimo di Territorialità, Accessibilità, Cultura, Unione e Solidarietà – è un progetto che nasce dalla profonda convinzione che, come sancito dalla Costituzione italiana all’art. 3, «tutti i cittadini hanno uguale dignità e sono uguali davanti alla legge senza distinzione […], di condizioni personali […]». Convinti che l’accessibilità sia un diritto e una necessità da salvaguardare, difendiamo le disabilità, le identità e l’integrazione; sosteniamo gli ideali di coesione e intercultura; lavoriamo per l’inclusione sociale che vuol dire occuparsi del bene di tutti, perchè crediamo nelle pari opportunità e nell’accessibilità del patrimonio storico culturale del nostro territorio.  

TACUS partecipa ai bisogni sociali attraverso iniziative di carattere socio – educativo, culturale, ricreativo, multi ed inter – culturale, impegnandosi attivamente nell’abbattimento delle barriere architettoniche e socio-culturali presenti nel territorio, in nome di un progetto legato a nuove forme di turismo, accessibile e sostenibile, attraverso la creazione di attività ricreative, itinerari, corsi e laboratori pensati per tutti e mirati particolarmente all’inclusione di soggetti con esigenze speciali.

Il nostro sogno è un territorio accessibile a tutti!

 

 

Apr
15
dom
2018
Belladonna: Guaritrici e streghe tra medicina e inquisizione @ Mura delle Cattive
Apr 15@18:15–20:30
Belladonna: Guaritrici e streghe tra medicina e inquisizione @ Mura delle Cattive | Palermo | Sicilia | Italia

BELLADONNA.

Guaritrici e streghe tra medicina e inquisizione

Stregoneria, magia terapeutica e medicina nella Palermo antica: da guaritrici a presunte streghe e avvelenatrici. Una passeggiata raccontata, un itinerario storico – antropologico che ricostruisce l’identità socio culturale e il rapporto sia con la Santa Inquisizione che con il Collegio medico. Dalla lettura delle ricette delle medichesse ai processi per maleficio, il tour mette in luce il filo sottile che separa l’arte di medicare con l’arte di avvelenare. Storie di donne e di veneficio, quest’ultimo da sempre associato alla figura femminile per la lunga tradizione che vede la donna impegnata nella manipolazione del cibo e delle erbe, basi essenziali per la produzione dei veleni.


«Mani femminili che quotidianamente, sminuzzano sostanze e le mescolano al cibo, ai quali si affida il compito di star meglio o di risanare, di rinvigorire o, al contrario, di indebolire fino ad uccidere».

Il raduno dei partecipanti è fissato alle ore 18:15 presso Piazza Santo Spirito, davanti la gradinata delle Mura delle Cattive.

Il contributo a sostegno dell’iniziativa è di € 3,00 per i soci e € 5,00 per i non tesserati

**************************

N.B.: L’adesione all’iniziativa è solo su prenotazione e sarà effettuata al raggiungimento di un minimo di 20 partecipanti. Lo staff organizzativo si riserva di annullare o posticipare l’evento in programma in caso di mancato  raggiungimento del numero minimo di partecipanti e/o in caso di condizioni meteo avverse. Variazioni ed eventuali modiche saranno comunicate tempestivamente a tutti i partecipanti. Ai fini organizzativi le richieste di prenotazione dovranno pervenire esclusivamente al n. 320.2267975

**************************